4 Ottobre 2019

Propulsore da 560 cm³ per il futuro Yamaha T Max

Il 2020 dovrebbe essere l’anno del grande evento, la casa di Iwata dovrebbe presentare il nuovo Yamaha T Max 530 e secondo indiscrezioni potrebbe adottare un nuovo propulsore bicilindrico da 560 cm³, omologato Euro 5.

Come dicevamo la nuova generazione del T Max dovrebbe debuttare il prossimo anno e il fatto di aumentarne la cilindrata è legata al fatto di adeguarlo alla normativa antinquinamento Euro 5.

La cilindrata dovrebbe aumentare di 32 cm³ portandolo a 562 con una potenza che si aggirerà attorno ai 46 CV come l’attuale modello.

Anche in questo caso vi sono indiscrezioni che parlano di un incremento dei cavalli che potrebbe portarlo ad avere attorno ai 48/50 CV.

La potenza finale che verrà decisa è strettamente legata al fatto che la Yamaha vorrebbe lasciare la possibilità di guidare il loro mezzo a tutti i possessori di patente A2 che può essere conferita già a 18 anni.

Altre indiscrezioni dicono che forse si adotterà soltanto la versione Standard con un piccolo spiraglio per la sola versione DX, quindi a quanto pare dovrebbe uscire di scena la versione sportiva SX.

Forse anche il peso verrà incrementato, parliamo di 218 Kg per la versione Standard e 220 Kg per quella DX.

Da quando è nato il T Max, nel lontano 2001, gli aggiornamenti sono stati ben 5 e il 2020 potrebbe essere l’anno della presentazione della sesta serie.

Ricapitolando, il T Max nasce nel 2001, il primo restyling leggero si è verificato nel 2004, nel 2008 si è verificato un aggiornamento molto più consistente e nel 2012 quello ancora più completo, questo è l’anno dove è stato anche aumentato di cilindrata e dove è stato letteralmente rivoluzionato sotto il punto di vista del design.

Di seguito vi è stato un’altro leggero restyling nel 2015 ed uno più consistente nel 2017, ora non ci resta che attendere cosa succederà nel 2020.

Nel mentre il mercato dei maxi scooter si è implementato con nuovi modelli concorrenti come il Kymco AK550, il BMW C 650 Sport, l’Honda X-ADV e Integra, ultimo arrivato sul mercato è il Maxsym.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *