Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

24 Giugno 2020

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

La maggior parte dei motociclisti che girano oggi hanno iniziato la loro carriera sulle due ruote con uno scooter ma esistono le eccezioni come il polacco Maciej Bielawski che gira in moto da quando era bambino, parliamo degli anni 80, per poi passare agli scooter perché, a detta sua, sono più semplici da guidare e più comodi, specialmente nella città dove vive lui.

Possiamo capire la sua scelta, esistono degli scooter che offrono livelli prestazionali quasi da moto ma con molta comodità in più, specialmente se sei pendolare e la maggior parte dei chilometri li fai in città.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks-1

Maciej era abituato a cambiare moto ad ogni inizio di stagione estiva ma da quando ha acquistato un T Max 500 del 2009 non lo ha più venduto, secondo lui vi sono sul mercato svariati scooter di qualità ma il T Max non lo batte nessuno, secondo lui è un’ottimo connubio fra un maxiscooter ed una moto sportiva, per non parlare dei moltissimi accessori T Max che si possono usare.

Il T Max 500 è veloce come scooter ed anche a velocità più elevate si manovra facilmente nonostante le sue dimensioni, secondo lui, guidare un T Max in mezzo al traffico è come guidare una R6 in montagna.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks-2

Arrivato ad un certo punto gli è venuta l’idea di rinnovare il suo T Max e proprio per questo si mise in contatto con Grzegorz Korczak, un direttore della fotografia e regista di effetti speciali nominato all’Oscar, ma dirige anche la Unikat Motorworks dal 2013.

L’azienda comprende oltre duecento operai e quattro artigiani che trasformano le creazioni virtuali di Greg in realtà.

Maciej voleva che il suo T Max sembrasse più importante con una finitura nera opaca

Abbiamo già personalizzato due Vespe, quindi sapevo che sarebbe stato un processo molto difficile perché a differenza delle automobili il telaio di una moto o di uno scooter deve sottostare a regole molto più rigide riguardo ai carichi aerodinamici.

dice Greg.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks-2

Greg ha iniziato a fare ricerche sulla T Max ma con poco successo, non è semplice personalizzarla.

Ho fatto calcoli in Excel e preventivati per tre o quattro mesi di fila

ricorda.

Ci siamo stretti la mano ma, per quanto riguarda gli affari, è stato un mio errore, il progetto ci ha messo più di cinque mesi!

Le cose buone richiedono tempo, come si dice, e noi riteniamo che questo T Max sia eccellente, siamo riusciti ad eliminare ben trenta chilogrammi, che non è poco.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks-2

Hanno anche aggiunto potenza extra inserendo un filtro aria e un sistema di scarico Malossi.

Il lavoro più pesante è stato fatto sul telaio, dopo aver eliminato le carene, Unikat ha modificato l’estremità posteriore del telaio in alluminio per dare un profilo laterale più corto ed ha installato dei pannelli laterali in rete creando un effetto vedo, non vedo.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

La difficoltà era montare il nuovo serbatoio del carburante e il sistema di raffreddamento all’interno di un subframe molto, molto più piccolo

dice Greg.

Ci sono volute molte più ore di lavoro del previsto, ma Greg ha deciso di attenersi al budget concordato.

Il nuovo sedile di pelle segue i contorni curvi del nuovo telaio posteriore e le manopole sono in pelle abbinata.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

La protezione dal vento proviene da una carena BMW C400 modificata, con ali metalliche su entrambi i lati, un nuovo faro Highsider e strisce LED discrete per abbinare quelle nascoste sotto la rete posteriore.

C’è un Mini speedo dietro la carena, e un sistema di accensione a distanza Motogadget m.lock collegato al telaio di cablaggio modificato, tutti e due forniti da motogadget.com.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

La finitura è un mix di verniciatura a polvere e anodizzazione, con molte parti sabbiate di nuovo a metallo nudo e rivestite per un look fresco di fabbrica.

Durante il processo di progettazione, eravamo entrambi d’accordo sul fatto che il design non doveva essere solo incentrato sul nero.
La vernice è satinata, colore antracite semi-lucido, e la seduta in pelle marrone è un perfetto contrasto caldo, quello che rimane del vecchio T Max originale sono le ruote d’oro

dice Greg.

Proprio per questo vi è stato abbinato il tappo del carburante color oro lavorato a filo nell’unità di seduta.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

Questo è stato il primo T Max che abbiamo modificato ed onestamente non l’avevamo neanche mai preso in considerazione ma, dopo averci lavorato sopra riteniamo che sia perfetto per le città e non solo,  è ‘davvero veloce e sportivo in termini di maneggevolezza, credo che sia lo scooter più esclusivo mai costruito.

I maxi scooter hanno sempre avuto qualche problema di immagine, ma se i produttori prenderanno qualche spunto da questa nostra creazione, forse il mercato si espanderebbe e comunque è sempre un’ottima soluzione contro il congestionamento da traffico nelle grosse metropoli.

dice Greg.

Yamaha T Max 500 modificato da Unikat Motorworks

, ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *